Servizi d’ispettorato comunale

L’ispettorato comunale sovrintende all’attuazione delle leggi e di altre norme, in base alle quali l’autorizzazione ad assolvere tali funzioni viene deferita anche agli organi della comunità locale e vigila sull’applicazione dei decreti comunali.
Le due unità organizzative interne dell’ufficio sono:
• l’ispettorato comunale (vigilanza ispettia e vigilanza comunale) e
• le guardie municipali.

L’ispettorato comunale

L’ispettorato comunale svolge mansioni di vigilanza ispettiva e di vigilanza comunale.

Vigilanza ispettiva

La vigilanza ispettiva relativa all’attuazione dei decreti comunali e di altri atti viene esercitata direttamente dagli ispettori comunali quali pubblici ufficiali investiti di deleghe speciali.

Gli ispettori comunali sono quindi pubblici ufficiali autorizzati a compiere sistematicamente il controllo sull’applicazione delle deliberazioni comunali e di altri atti con i quali l’amministrazione comunale regola le questioni rientranti tra le sue attribuzioni, come pure delle leggi la cui attuazione è affidata alla comunità locale.

Nell’esercizio di tali funzioni gli ispettori comunali possono ispezionare gli impianti e le attrezzature nonché la documentazione, interrogare le parti e i testimoni in ambito alla procedura amministrativa, acquisire notizie al fine di accertare l’identità delle persone e compiere altri atti consoni alle finalità della vigilanza ispettiva. Agli ispettori comunali spettano le competenze, i doveri e le responsabilità previste dalla legge sulla pubblica amministrazione.

PREKRŠKOVNI ORGAN ….

L’ispettore comunale che nell’esercizio delle proprie funzioni accerti la violazione di una determinata norma comunale, ha il diritto e il dovere di:
• disporre i provvedimenti intesi a porre rimedio all’irregolarità o manchevolezza entro il termine da lui stesso stabilito,
• emettere l’avviso di contravvenzione e comminare la multa,
• proporre l’adozione di provvedimenti necessari all’organo competente,
• disporre altri provvedimenti o atti di sua competenza.
Nell’attuazione della vigilanza ispettiva agli ispettori comunali spettano le stesse attribuzioni, i diritti, gli obblighi e le responsabilità attribuiti agli ispettori in base alla legge sulla pubblica amministrazione.

Gli ispettori comunali hanno anche l’obbligo di organizzare la divulgazione informativa e l’assistenza ai cittadini cui sono rivolte le diverse norme comunali, avvisare gli enti competenti sille irregolarità e le difformità riscontrate nel sistema regolamentato, nonché proporre le opportune modifiche.

Nel caso in cui il destinatario ometta di compiere in parte o nella totalita` gli atti imposti ai sensi del rispettivo provvedimento, oppure non osservi il termine previsto, l’ispettore comunale ha la facolta` di affidarne il compimento ad altra persona giuridica o fisica alle spese del destinatario.

Vigilanza comunale

La vigilanza sull’attuazione delle norme comunali viene affidata ai vigili comunali che sovrintendono all’applicazione della normativa approvata a livello locale, fatte salve le disposizioni relative alla sicurezza del traffico negli abitati.

I vigili comunali sono pubblici ufficiali che sovrintendono all’attuazione delle norme comunali e di altri atti, tramite i quali il comune provvede a regolare le questioni di sua competenza.
Svolgono singole mansioni in ambito al procedimento che precede il rilascio della decisione finale e acquisiscono dati pertinenti e rilevanti ai fini dell’emanazione della stessa, comminano e riscuotono le ammende ed esercitano altre mansioni su ordine del capo dell’ispettorato e degli ispettori.

Il vigile comunale è provvedere all’attuazione delle disposizioni dei decreti comunali per le quali gli stessi lo autorizzano.
Nei casi in cui il singolo decreto comunale contenga una delega generale affidando il controllo sull’attuazione all’ufficio autorizzato a compiere la vigilanza, il capo del servizio d’ispettorato decide in merito a quali disposizioni e con quali poteri la vigilanza spetterà al vigile comunale.

Il vigile comunale ha la facoltà di compiere i singoli atti in ambito al procedimento amministrativo in relazione al controllo ispettivo, attenendosi alle istruzioni dell’ispettore comunale competente per la gestione del singolo procedimento ispettivo.

Nell’esercizio delle proprie mansioni al vigile comunale spettano i seguenti diritti ed obblighi:
• ammonire i trasgressori in caso di accertate violazioni di minore gravità,
• accertare l’identità delle persone in relazione all’esercizio delle proprie mansioni,
• disporre circa il rimedio alle irregolarità,
• comminare l’ammenda,
• disporre della provvisoria sospensione dei lavori ad opera delle persone fisiche o giuridiche nei casi in cui tali opere siano in difformità della normativa in ossequio alla quale si esercita il controllo,
• disporre provvedimenti temporanei di carattere preventivo onde garantire l’incolumità delle persone e la tutela del patrimonio,
• richiedere alle persone fisiche o giuridiche la messa a disposizione di dati e l’assistenza necessari all’esercizio del controllo,
• avvisare gli organi competenti nei casi in cui ritenga necessari dei provvedimenti che esulano dalla sua competenza.

Le guardie municipali

Le guardie municipali esercitano il controllo sul traffico stazionario e attuano i provvedimenti che rientrano nelle loro competenze in virtù della legge sulla sicurezza del traffico stradale e altre disposizioni normative, nonché il controllo sui provvedimenti stabiliti dai decreti e altre norme a livello comunale.

Le guardie municipali sono pubblici ufficiali incaricati di svolgere il controllo sistematico sull’attuazione della normativa di cui sopra, ma anche su altra regolamentazione tramite la quale il comune provvede a compiere atti di sua competenza.

Sono pubblici ufficiali le persone che svolgono le mansioni di guardie municipali e il dirigente operativo della sezione traffico. Il Capo dell’Ispettorato comunale può delegare al dirigente operativo della sezione traffico la direzione del dipartimento delle guardie municipali.

Il dirigente operativo della sezione traffico risponde personalmente al capo dell’ispettorato in ordine all’attuazione od omissione di atti in ambito del procedimento ispettivo.

Il dirigente operativo della sezione traffico dirige il dipartimento delle guardie municipali, pianificando, organizzando e coordinandone il lavoro, relaziona sull’operato del dipartimento ed esplica altri compiti assegnatigli dal capo dell’ispettorato.

Durante l’esercizio delle proprie mansioni, le guardie municipali attuano i provvedimenti a loro trasferiti in virtù delle leggi e dei decreti comunali.

In ambito e in conformità alle disposizioni di cui al comma precedente le guardie municipali provvedono a garantire la pubblica sicurezza e l’ordine pubblico sul territorio del comune e hanno le seguenti competenze:
• supervisionare alla sicurezza e la scorrevolezza del trtaffico negli abitati,
• supervisionare le strade e il circondario negli abitati e le strade comunali fuori dagli stessi,
• garantire la sicurezza sui sentieri comunali pubblici, sui aree ricreative e su altre suprefici pubbliche,
• salvaguardare il demanio pubblico e il patrimonio culutrale e naturale,
• mantenere la sicurezza e l’ordine pubblico.

A tale riguardo essi hanno i seguenti diritti e obblighi:
• ammonire i trasgressori in caso di accertate violazioni,
• accertare l’identità delle persone in relazione all’esercizio delle proprie mansioni,
• comminare le ammende in loco,
• proporre l’avvio del procedimento in ordine alla violazione,
• disporre della rimozione coatta dei veicoli in sosta vietata,
• disporre del collocamento dello speciale dispositivo che impedisce l’uso del veicolo in sosta vietata,
• richiedere alle persone fisiche o giuridiche la messa a disposizione di dati e d’assistenza, necessari all’esercizio del controllo,
• avvisare gli organi competenti nei casi in cui essi reputino necessari dei provvedimenti che esulano dalla loro competenza,
• assolvere ad altri compiti assegnati loro dal capo dell’ispettorato.

Nello svolgimento delle propie mansioni la guardia municipale ha le seguenti autorizzazioni:
• l’avviso;
• la decisione verbale;
• verifica dell’identità;
• perquisizione della persona ai fini della sicurezza;
• requisizione di oggetti;
• messa in stato di fermo del contravventore o del reo;
• uso della forza fisica e dei mezzi di coazione fisica (manette, lacci, bombolette pray).

In caso di provvedimenti urgenti volti a garantire la sicurezza, per delega scritta oppure orale dell’ispettore comunale competente, la guardia municipale ha la facoltà di:

• disporre della provvisoria sospensione dei lavori ad opera delle persone fisiche o giuridiche nei casi in cui tali opere siano in difformità della normativa in ossequio alla quale si esercita il controllo,
• disporre di taluni provvedimenti temporanei di carattere preventivo onde garantire l’incolumità delle persone e la tutela del patrimonio.