Chiudi
14. 05. 2024 In vigore la delibera sull’affissione di manifesti per le tre campagne referendarie Leggi di più
Chiudi
Vedi tutte le notizie

Il progetto Rivitalizziamo l’entroterra volge alla conclusione

Categoria: Generale
Data di pubblicazione:

Negli ultimi anni, la campagna dell’Istria slovena è diventata una meta sempre più ambita da molti turisti locali e stranieri desiderosi di trascorrere il tempo libero attivamente, a stretto contatto con la natura. Numerose gite ed escursioni promettono attualmente esperienze ancora più piacevoli visto che i partner del progetto LAS Istria Rivitalizziamo l’entroterra, di cui il Comune città di Capodistria è capofila, hanno potenziato le infrastrutture esistenti nell’entroterra istriano contribuendo così allo sviluppo del turismo ricreativo sostenibile nella zona costiera e nelle aree rurali dei comuni dell’Istria. All’odierna conferenza stampa sono stati presentati i risultati conseguiti, che hanno evidenziato la necessità di guardare al futuro con azioni sostenibili attuate nell’immediato.

Nell’ambito del progetto GAL Istria – Rivitalizziamo l’entroterra, cofinanziato dal Fondo agricolo europeo per lo sviluppo delle aree rurali – L’Europa investe nell’entroterra, il Comune città di Capodistria, il Comune di Ancarano, il Comune di Isola e la Rete ciclistica del Litorale hanno unito le forze per fare un importante passo avanti nello sviluppo del turismo ricreativo sostenibile nell’entroterra dell’Istria slovena e nella zona costiera. Il Comune città di Capodistria ha così riqualificato 10 percorsi escursionistici e ciclabili, riordinato la vegetazione e ripristinato la segnaletica, nonché rinnovato 150 vie d’arrampicata. Inoltre, il Comune città di Capodistria ha elaborato documenti strategici quale base per regolamentare, aggiornare e gestire in modo sostenibile le infrastrutture ricreative esistenti per la scoperta attiva del Ciglione carsico, la riduzione degli impatti sulla natura e la creazione di condizioni per aumentare la competitività, la visibilità ed il valore aggiunto dell’economia nelle zone rurali e urbane dell’area GAL Istria. “Abbiamo elaborato il progetto concettuale del futuro parco ciclistico, che prevede la regolamentazione di alcune piste ciclabili esistenti sul pendio tra Tinjan e Ospo, nonché la costruzione di itinerari nuovi. Per la prima fase della riqualificazione del parco ciclistico abbiamo ottenuto anche la documentazione progettuale volta all’acquisizione del permesso di costruire, in base alla quale il parco ciclistico verrà inserito nella bozza integrata del Piano regolatore comunale. È stato inoltre elaborato un piano aziendale per l’istituzione e la gestione del parco sportivo e ricreativo di OSPO“, ha spiegato Uroš Jelenovič, responsabile del progetto presso il Comune città di Capodistria.

Anche gli altri partner sono stati attivamente impegnati in diverse attività volte alla promozione del ciclismo e della ricreazione, tra l’altro è stata elaborata la Carta dei percorsi tematici dell’Istria slovena. Nell’ambito del progetto, il Comune di Isola ha organizzato un viaggio studio per giornalisti turistici, agenti di viaggio e influencer sloveni e stranieri. Uno degli obiettivi principali del progetto è reindirizzare i flussi turistici nell’entroterra, al fine di includere anche i tesori nascosti nella promozione della Slovenia quale destinazione mediterranea. Il Comune di Ancarano, invece, ha definito le condizioni per ampliare e potenziare i collegamenti ciclabili nell’area più vasta, anche transfrontaliera, che collegheranno Capodistria con la città di Muggia in Italia. Al fine di tutela del Parco naturale di Punta Grossa, il comune ha aumentato i controlli sull’attuazione delle misure di tutela della natura nella predetta area vulnerabile.

In questa area della Slovenia l’interesse per le piste ciclabili a lunga percorrenza è molto alto, motivo per cui la Rete ciclistica Litorale nell’ambito del progetto ha organizzato un’escursione tecnica nella destinazione ciclistica Alpe-Adria. Come ha sottolineato Izak Pogačar, presidente della Rete ciclistica Litorale, i partecipanti hanno appreso esempi di buone pratiche e cercato opportunità per creare prodotti e progetti turistici congiunti nel settore del cicloturismo nell’intero territorio istriano.

Inoltre, nel corso dei due anni, i partner hanno aggiornato i contenuti della Maratona ciclistica istriana, organizzato un viaggio in bicicletta nell’Istria slovena e, con campagne promozionali sui social network e siti pubblicitari, sensibilizzato il pubblico sulle possibilità di svago nella campagna istriana e nella zona costiera. Il valore del progetto, che si concluderà a fine aprile 2023, ammonta a 214.873,20 Euro, di cui 145.322,80 Euro a carico del Fondo europeo agricolo.

Foto: Jaka Ivančič